Cronaca

Vende cocaina, poi minaccia i clienti debitori: arrestato a Rimini albergatore campano

RIMINI – È stato arrestato giovedì scorso un 46enne campano, residente a Rimini, accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione. L'uomo, che gestisce con la famiglia un hotel in viale Regina Margherita, aveva tessuto una fitta rete di spaccio tra Rimini e Pesaro e vendeva cocaina ai suoi "clienti" alzando sempre più il prezzo, fino a che questi non potevano più permettersi di pagarlo. Al che l'uomo, con l'aiuto di due complici, iniziava a fare pressioni e a incalzare con minacce pesanti i suoi debitori.

In un caso è arrivato a sommergere di telefonate e messaggi minacciosi un parrucchiere di Pesaro, prendendo di mira anche il figlio e costringendolo a fuggire in Spagna. Il parrucchiere infatti aveva con il 46enne un debito di 10.000 euro. L'uomo è stato però denunciato da un'altra vittima, che dapprima, a causa delle minacce subite, era stato costretto a cedere al suo aguzzino l'automobile; poi, disperato, ha denunciato i fatti alla polizia.

Gli agenti delle squadre mobili di Pesaro e Rimini hanno quindi arrestato il 46enne nella sera di giovedì scorso, mentre preparava la cena per alcuni clienti dell'albergo, e lo hanno portato in carcere.

Condividi: