Sport

Valentino Rossi è stato dimesso, vuole tornare a correre entro il Gp del Giappone di ottobre

ANCONA – Ha passato una notte tranquilla e ha anche camminato con il sostegno delle stampelle. Valentino Rossi è quindi stato dimesso questa mattina dall'ospedale di Torrette di Ancona, dopo aver subìto un intervento per la frattura di tibia e perone rimediata mentre correva con la Enduro. Ora è stato trasferito in un Centro di riabilitazione ignoto, ma Rossi fa sapere con la solita caparbietà che tornerà il prima possibile a correre, magari al Gp del Giappone di ottobre se non per quello prima in Spagna. Rossi dovrà comunque osservare uno stop di 30-40 giorni come ribadito da Raffaele Pascarella, il medico che ha effettuato l'intervento, direttore dell'Unità operativa di Ortopedia e Traumatologia. Alla domanda se davvero Valentino riuscirà a tornare così presto a correre, il medico ha puntualizzato che: "Dipende da lui, se se la sente. Ma quando si va in moto non basta schiacciare l'acceleratore, le gambe servono".

Condividi: