Cronaca

UN’OCCASIONE DA NON PERDERE: IL MERCATINO DEL VINTAGE A RIMINI

Appuntamento estivo con la cultura. Il mercatino del vintage in Piazza Cavour a Rimini. Come rendere ciò che è stato ancora attuale in uno scenario giovane e fresco
“Proprio io che son sopravvissuta a tristi tropici da turista mi ritrovo persa di un amore italiano casa mia e proprio io che ho masticato cento lingue esotiche spiccico si e no sciocchezze innamorate sull'adriatico colpa tua Rimini” cantava Lu Colombo nella sua “Rimini Ougadougou”. Sì, Rimini, la città che non dorme mai, meta privilegiata dai giovani per via della rinomata movida estiva, apprezzato centro di svago e relax per le famiglie. 
Spesso si è portati a pensare che Rimini sia semplicemente questo, una città dalle mille risorse, ma davvero poco conosciute. Basti pensare che piazza Cavour, una delle sue principali piazze, insieme a Piazza Tre Martiri, è considerato il centro della vita cittadina sin dal Medioevo, e questo è confermato anche dalla presenza del Palazzo dell'Arengo, meravigliosa struttura architettonica sormontata da merlature. 
Ed è proprio Piazza Cavour, ritrovo indiscusso di centinaia di giovani ogni sera, che ogni venerdì tra giugno e settembre si mostra nella sua veste più particolare. Rimini si veste di vintage, grazie al mercatino dell'usato, che, nei mesi estivi, riesce a coinvolgere dai più giovani agli appassionati del genere di ogni età. 
Sicuramente una idea geniale, per spogliare la città dallo stereotipo di gran parte dei turisti che la additano come fulcro romagnolo del divertimento. Libri, abiti ed oggetti d'antiquariato. La cultura e la storia riempiono la piazza di un profumo colmo di ricordi e sentimenti ed, a volte, di grande nostalgia per i tempi che furono. 
La competenza e gentilezza degli ambulanti del venerdì fanno da cornice in una serata davvero all'insegna della conoscenza. Non solo bancarelle, usato, artigianato, oggetti d'arte antica, ma tante domande e tanta curiosità in questo evento così semplice ma davvero ben riuscito. 


Margherita Giacovelli

Condividi: