Cronaca

UN ARRESTO, NOVE DENUNCIATI, DUE GLI ESPULSI NELL’ULTIMA OPERAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO

Continuano, da parte della Polizia di Stato i controlli  finalizzati a prevenire e a contrastare fenomeni di degrado urbano, a verificare l’osservanza da parte di cittadini stranieri del rispetto della vigente normativa inerente l’ingresso e la permanenza sul territorio nazionale, i reati contro la persona ed il patrimonio, nonché lo spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività del personale delle Volanti e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna e dai cinofili della Polizia di Stato, coordinate sul territorio dal dr. Cristian Magliarisi, si è concentrata nelle due giornate appena trascorse in alcune aree periferiche del capoluogo, dalle quali nei giorni scorsi erano giunte alcune segnalazioni da parte dei residenti e per le quali era già stata avviata un’attenta attività di monitoraggio da parte degli agenti. Ad essere passate al setaccio dai poliziotti infatti sono la stazione ferroviaria e le zone ad essa adiacenti (dove sono stati numerose le prostitute e i preguidicati identificati), zona San Giuliano e  le zone più a sud di Rimini. I servizi non hanno poi trascurato i parchi e le aree verdi della città: al fine di consentire a turisti e cittadini di poter godere gli spazi attrezzati in occasione delle giornate e temperature primaverili la Polizia di Stato, con l’ausilio delle unità cinofile ha proseguito nelle attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanza stupefacenti effettuando una capillare attività di controllo.

Nell’ambito delle attività, i poliziotti hanno sorpreso durante i servizi di controllo del territorio un uomo di 35 anni, di cittadinanza ucraina, il quale dagli accertamenti effettuati dapprima in strada e poi in ufficio dal personale dell’Ufficio immigrazione, è risultato essere rientrato irregolarmente sul territorio nazionale nonostante il divieto di reingresso sul territorio, conseguente a un precedente provvedimento di espulsione eseguito dal personale della Polizia di Frontiera di Torino del marzo 2016.

Sulla base di alcune segnalazioni giunte nei giorni scorsi e di precedenti servizi di appostamento, gli agenti hanno inoltre provveduto a contrastare fenomeni di degrado collegati all’occupazione abusiva di immobili in stato di abbandono: i controlli effettuati presso le colonie bolognesi e presso un albergo abbandonato di San Giuliano hanno consentito infatti di identificare e denunciare sei persone per invasioni di terrei ed edifici: si tratta di uomini di cittadini e di stranieri di età compresa tra i 26 e i 58 anni.

Gli agenti, inoltre, nella mattinata odierna oltre a denunciare un tunisino di 35 anni per violazione delle disposizioni vigenti in ordine all’ingresso nel territorio nazionale (e per il quale è stato adottato il provvedimento di espulsione), hanno inoltre denunciato una ragazza per danneggiamento aggravato per aver infranto una finestra di uno studio commerciale nel riminese: dopo alcuni accertamenti effettuati anche mediante il sistema videosorveglianza, i poliziotti sono riusciti a risalire all’identità della donna subito denunciata.

Le attività espletate nell’ambito dei parchi cittadini con il fiuto dei cani della Polizia di Stato ha invece persone ai poliziotti di sorprendere un giovane gambiano del 1991 in possesso di decine di grammi di marijuana, già suddiviso in dosi e di rinvenire tra i cespugli diverse dosi di marijuana presumibilmente nascoste alla vista dei poliziotti: il giovane ragazzo, incensurato, è stato accompagnato presso gli Uffici della Questura dove è stato denunciato per spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Condividi: