Sport

TIGERS VILLANOVA UNDER 15, SFUMA LA VITTORIA NEI SECONDI FINALI

Finisce tra le lacrime. Dei giocatori in campo, degli allenatori in panchina, dei genitori e dei tanti tifosi giunti da Villa Verucchio sugli spalti. Questa volta non sono lacrime di gioia, come era accaduto negli ultimi due anni (dopo la conquista di altrettanti titoli regionali consecutivi), ma lacrime amare. Sempre avanti sin dalle prime battute, e per 38 minuti, l'u15 Villanova Basket Tigers è stata superata ad una manciata di secondi, in volata, da Pol. Monte San Pietro mai doma. Onore, dunque, ai vincitori, che ci hanno sempre creduto, applausi però anche ai biancoverdi che sono arrivati ad un passo dall'alzare il terzo titolo in tre stagioni.
La gara. Alla palla a due i Tigers sono reattivi e intensi e mettono subito la gara nel binario preferito. Già al primo quarto sono avanti, giocano una pallacanestro veloce e con mani calde. 29 – 24 grazie ad una tripla siderale di Mussoni. Si va al riposo lungo con 13 lunghezze di vantaggio: 43 a 30. La partita è aperta, i bolognesi non mollano ma i Tigrotti sembrano averla in pugno. 60 – 51, il vantaggio resta sempre importante. Al 25esimo i biancoverdi toccano addirittura il +18. Una svolta arriva a inizio ultimo quarto: Campidelli, il capitano e leader della squadra, è costretto ad uscire per cinque falli. Quella perdita, unita alla zona, una box and one che dà i suoi frutti, e ad un calo generale, mette in difficoltà la squadra di coach Miro Miriello. Monte San Pietro continua a raggranellare rimbalzi offensivi su rimbalzi, che diventano canestri e spesso conditi dal tiro libero supplementare. I lunghi Villanova non riescono ad arginare lo strapotere fisico sotto le plance degli avversari, ma nonostante tutto i Tigers sono ancora avanti: la bomba di Mussoni vale il +1 a 4' dalla sirena, il canestro di Miriello frutta il +3 a 2'50. Nel finale Monte San Pietro continua a crederci e a mordere sotto canestro: finisce 69-73, Monte San Pietro è campione regionale Elite u15, Villanova Tigers riceve comunque l'abbraccio e i cori dei tifosi assiepati nel palazzetto di Bertinoro.

"La squadra ha giocato benissimo per tre quarti di partita. – analizza la gara l'assistente Alessandro Muratori – L'uscita di Campidelli, un leader e autore di un'ottima partita, a inizio quarto periodo ci ha penalizzati. La loro zona e i rimbalzi offensivi che abbiamo concesso loro sono stati determinanti. I Tigers hanno disputato un'ottima stagione, peccato non aver concluso con l ciliegina sulla torta dopo aver toccato il +18 al 25esimo".
Lo aveva detto già alla vigilia coach Miriello: "A livello fisico abbiamo paghiamo dazio nei confronti di Monte San Pietro, che dispone di giocatori molto alti e molto fisici".

Tanta amarezza anche nelle parole del dirigente responsabile Lorenzo Meluzzi. "C'è rammarico per una sconfitta del genere. – scuote la testa Lorenz – Perdere così, dopo 38 minuti con la testa avanti e giocando bene, fa male. Però questo gruppo, il coach, gli assistenti, i genitori e tutto il pubblico che ci ha seguito, meritano applausi. Ora speriamo di iniziare una nuova stagione con lo stesso piglio e nel nuovo impianto, il tanto atteso Palazzetto dello Sport".

Condividi: