Cronaca

STAFFETTA ECOLOGISTA DA RIMINI A BOLOGNA

Venerdì 9 giugno, con partenza alle 9.00 da p.za Cavour, si terrà una staffetta ecologica che, percorrendo i maggiori centri della via Emilia fino a Bologna, porterà un messaggio ecologista al G7 ambiente previsto per il fine settimana nel capoluogo emiliano-romagnolo.  Gli organizzatori, tra cui il neonato collettivo “ambiente alla base Rimini”, affidano simbolicamente il loro messaggio a un mezzo tanto antico quanto potente: la bicicletta. Il mezzo di trasporto più efficiente mai inventato dall’uomo in grado di ridurre traffico, emissioni e di migliorare la salute grazie all’attività fisica. In grado di valorizzare, lentamente, il paesaggio che percorre e di unire le persone. E proprio questo si propone di fare la staffetta ecologica, che dopo Rimini passerà a Savignano, Cesena, Forlì, Faenza, Imola e Castel San Pietro, per arrivare al Labàs di Bologna nel tardo pomeriggio. Ad ogni tappa il testimone passerà da un gruppo di partecipanti all’altro, per unire nell’impegno ecologista territori che sono già uniti nel futuro comune che li aspetta. L’11 e 12 giugno nella città felsinea si terrà infatti il vertice a cui prenderanno parte i ministri dell’ambiente dei 7 paesi più industrializzati. “I 7 maggiori responsabili dei problemi ambientali che tutti viviamo”, dicono gli organizzatori. “Impensabile lasciare a loro il futuro delle politiche ambientali che riguardano tutti, soprattutto in un momento in cui – con la prospettiva di un’uscita degli USA dall’accordo di Parigi – politica e istituzioni si dimostrano pericolosamente incapaci di prendere scelte radicali quanto necessarie”. Per questo motivo dal 9 all’11 giugno Bologna diventa teatro di una 3 giorni ricca di seminari, laboratori e manifestazioni dal titolo “ambiente alla base, non al vertice” per ribadire come siano le persone a dover marcare la transizione verso un modello sostenibile di sviluppo, che non può essere delegato né imposto, ma co-progettato e co-realizzato col contributo di tutti. Ecco allora l’idea della staffetta in bicicletta, in grado di dimostrare come tutti siano necessari ma nessuno basti a sé stesso, come passione e impegno possano portare a compimento grandi imprese, come pedalando -tutti -si possa davvero arrivare lontano. E come la responsabilità di arrivarci sia condivisa. Questo il messaggio che in tanti porteranno, sui propri pedali, con la propria fatica, ai leader mondiali riuniti a Bologna.

Condividi: