Cronaca

Spacciatore rintracciato e arrestato, aveva venduto una dose mortale di eroina a un bellariese

RIMINI – Il 13 settembre scorso in via Euterpe a Rimini, un 46 enne di Bellaria è deceduto a seguito di un malore dovuto all'inalazione di una dosa di eroina appena acquistata da uno spacciatore della zona. A nulla era servito l'intervento del 118, la morte era stata dichiarata poco dopo l'arrivo al pronto soccorso. Le forze dell'ordine avevano immediatamente avviato le indagini al fine di individuare lo spacciatore che aveva venduto la dose mortale al bellariese; in particolare, gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile si sono concentrati su un sospetto. Gli appostamenti e i pedinamenti hanno permesso nei giorni scorsi di rintracciare l'uomo, un 32 enne di origine tunisina, e di arrestarlo in flagranza di reato, ovvero mentre vendeva una dose di eroina. Gli agenti hanno sequestrato la sostanza e rinvenuto nel nascondiglio dello spacciatore (uno stabile abbandonato) svariati altri grammi di eroina. Successivamente le indagini hanno permesso di confermare la responsabilità del soggetto anche in merito alla morte del bellariese del 13 settembre scorso: per questo motivo, al tunisino è stato contestato sia il reato di spaccio, sia quello previsto dall'art. 586 del codice penale (morte o lesioni come conseguenza di altro delitto). L'arresto per il 32 enne è stato convalidato, per lui è scattata la custodia in carcere.

Condividi: