Cultura
    Martedì , 21 Novembre 2017     17:46

Sabato 25 novembre apre la stagione 2017/18 del teatro Astra di Bellaria Igea Marina

BELLARIA IGEA MARINA – Aprirà sabato 25 novembre con la storia di coraggio di una donna la nuova stagione del Teatro Astra di Bellaria Igea Marina.
"Per aspera ad Astra 2017/18" propone cinque spettacoli, oltre al consueto appuntamento per i più piccoli "Domenica a Teatro".
Di seguito, il programma di "Per aspera ad Astra 2017/18":

Sabato 25 novembre – Io ci sono: Protagonista è la vicenda di Lucia Annibali, la giovane donna di Pesaro aggredita con l’acido al termine di una tormentata relazione amorosa. Io ci sono è la trasposizione dell’autobiografia omonima, per la regia di Andrea Bruno Savelli. Lucia Annibali è impersonata da Alice Spisa, già premio Ubu come migliore attrice under 30. Alice sarà affiancata da Marco Cocci (nel ruolo dell’ex, Luca Varani), Valentina Chico e Amerigo Fontani. La serata, a ingresso libero con prenotazione obbligatoria, è realizzata con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e inaugura una stagione tutta costruita su grandi storie al femminile.

Domenica 3 dicembre – Talkin Heads: Sarà Michela Cescon a salire sul palco dell'Astra il 3 dicembre. Diretta dal suo regista storico, il pluripremiato Valter Malosti, l’allieva di Ronconi si confronta con l’autore-simbolo del teatro inglese contemporaneo, Alan Bennett, e con le commedie nere da lui raccolte in Talking Heads: storie pungenti e irriverenti di donne giunte a un clamoroso punto di svolta. Per la prima volta in Italia viene rappresentata la seconda serie della raccolta, che ha ottenuto n grande successo di pubblico e di critica sia alla radio che nei teatri britannici.

Venerdì 12 gennaio – Bellissime. Voci di donne: L’attenzione si sposta sulla musica e sulle interpreti più amate degli anni ’60, ’70, ’80. Syria porterà in scena uno spettacolo di teatro-canzone da lei ideato con Luca De Gennaro. Accompagnata dalla chitarra di Massimo Germini, la cantante romana propone un viaggio tra successi senza età e brani da riscoprire di Dalida, Patty Pravo, Rita Pavone, Nada, Antonella Ruggiero, Anna Oxa, Loretta Goggi, passando per le sorelle Bertè e le “amiche mai” Mina e Vanoni, con un’incursione molto sentita nel mondo di Gabriella Ferri.

Giovedì 8 febbraio – Quasi Grazia: Questo spettacolo porterà in scena la vita di Grazia Deledda, unica italiana a vincere il Nobel per la letteratura. Sul palco l’autrice di Canne al vento sarà impersonata da un’altra scrittrice sarda di successo, Michela Murgia, all’esordio da attrice. A dirigerla sarà Veronica Cruciani, regista di grande sensibilità civile che costruisce un ritratto modernissimo di Grazia Deledda, una donna capace, con le sue scelte di vita, di aprire strade impensabili per le donne del suo tempo.

Domenica 11 marzo – Butterfly: Il collettivo Kinkaleri porta sul palco dell'Astra una rivisitazione della Madama Butterfly. La compagnia toscana, tra le più apprezzate del teatro di ricerca, propone una nuova versione del capolavoro di Giacomo Puccini, ideata per far scoprire anche ai più giovani l’attualità dell’opera lirica. In un continuo ribaltamento di figure, il performer Marco Mazzoni interpreta i diversi personaggi della favola triste di Puccini, mentre Yanmei Yang, nei panni di Butterfly, ripropone dal vivo le arie più celebri dell’opera.

Sarà possibile acquistare il pass per tutti gli spettacoli al costo di 50 euro, oppure il biglietto singolo a 15.

Condividi: