Eventi
    Mercoledì , 19 Settembre 2018     17:30

RIMINI WAKE HUB 2018

CHIUDE LA PRIMA ESTATE DI #RIUTILIZZASI COLONIA BOLOGNESE E PARLA DI RIGENERAZIONE URBANA

Rimini Wake Hub tra gli eventi dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale

GRANDE FESTA DI CHIUSURA ALLE 21 CON IL DUO BUCOLICO

Rimini, 19 settembre 2018 – Dopo il successo della seconda edizione, torna anche quest’anno Rimini Wake Hub, l’unico appuntamento a Rimini dedicato a tutti coloro che sono interessati al consumo collaborativo e al riutilizzo di spazi per scopi culturali o sociali.

“RE-EVOLUTION: DALLA RIGENERAZIONE URBANA ALLA RIGENERAZIONE SOCIALE” è il titolo dell’edizione 2018 di Rimini Wake Hub  che si svolgerà  Venerdì 21 Settembre 2018  dalle 9.30 alle 13 alla Colonia Bolognese.  L’evento inserito nel programma del “Festival ITACA – Migranti e Viaggiatori – Festival del Turismo Responsabile è tra gli appuntamenti inseriti dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

La terza edizione di Rimini Wake Hub sarà quindi un convegno-evento dedicato ai temi della agibilità di spazi dedicati all’innovazione sociale ed all’ibridazione culturale. Una giornata all’insegna dei temi della rigenerazione urbana e del riuso partecipato presso l’ex Colonia Bolognese, oggetto per tutta l’estate 2018 di un progetto di riuso temporaneo patrocinato dal Comune di Rimini.

“Con la terza edizione di Rimini Wake Hub si conclude la stagione estiva 2018 alla Colonia Bolognese – spiega Luca Zamagni, Presidente dell’Associazione Il Palloncino Rosso – e, in linea con quanto accaduto nelle due precedenti edizioni, torniamo a confrontarci sul tema dei luoghi di aggregazione nella nostra città, traendo spunto anche da esperienze di altre città. Riutilizzasi Colonia Bolognese 2018 ci ha insegnato che luoghi abbandonati possono essere rigenerati dalla scintilla della partecipazione civica.

Sono ora maturi i tempi per una riflessione a più ampio raggio: quali altri luoghi, a Rimini e in Romagna, possono essere teatro di esperimenti di cittadinanza attiva? In quali forme ed in quali modi può rendersi stabile la collaborazione tra singoli cittadini, associazioni, comitati territoriali ed Amministrazioni locali, garantendo continuità a progetti di riutilizzo di beni dismessi riconvertiti a spazi di aggregazione civica? Di questo discuteremo a Rimini Wake Hub, il 21 settembre con diversi promotori e testimoni di esperienze di rigenerazione”.

Scuole protagoniste

Ad aprire la giornata moderata da Silvia Capelli e Andrea Murari, sarà la presentazione di due progetti delle scuole riminesi: i risultati del  progetto sulle Colonie dell’  l’ITTS “O. Belluzzi – L. Da Vinci” di Rimini e il progetto “Il popolo delle Colonie” dell’Istituto Comprensivo di Miramare di Rimini che sarà realizzato durante l’anno scolastico 2018/2019.

“Il dopo “Riutilizzasi Colonia Bolognese 2018”: una proposta alla Riviera” è invece il titolo dell’intervento ma anche la sollecitazione e le linee guida per un progetto targato 2019 da parte dell’Architetto Roberto Tognetti di IperPiano.

Esperienze di rigenerazione urbana in Emilia – Romagna

Arriva a Rimini Werther Albertazzi di Planimetrie culturali di Bologna, l’Associazione che nasce con l’obiettivo di riattivare spazi temporaneamente in disuso come custodia e prevenzione al degrado urbano per il Bene Comune, aprendosi alla partecipazione attiva e costruendo reti associative.

Da Ravenna e dall’esperienza di Officina Meme Architetti arrivano alla Colonia Bolognese Lara Bissi e Maria Cristina Garavelli che racconteranno la loro attività di ricerca per il recupero informale di spazi nella Darsena della città di Ravenna. Un esempio di riattivazione degli spazi in disuso con progetti legati al mondo dell'architettura, dell'artigianato e del design.

Fare rigenerazione urbana non basta, bisogna saperla raccontare e sostenere. “La comunicazione degli spazi rigenerati in Italia: raccontarsi facendo” è dunque il titolo dell’intervento di Leonardo Menegoni, responsabile comunicazione Coop Smart Rovereto. Sempre da Rovereto arriva Riccardo Loss presidente della Cooperativa Smart Lab. (che ha proposto diversi appuntamenti durante #Riutilizzasi) a parlare della “La sostenibilità degli spazi di aggregazione: sopravvivere dopo i finanziamenti pubblici” . E alle 12 sempre Riccardo Loss presenta in anteprima un estratto del documentario “Alla ricerca dei Beni comuni: più neuroni meno mattoni”.

Ma Rimini Wake Hub non sarà l’unico evento a chiudere la stagione 2018 di #Riutilizzasi. La festa di chiusura è stata affidata alla musica del Duo Bucolico. Il duo romagnolo composto da Daniele Maggioli e Antonio Ramberti sarà sul palco del giardino della Colonia Bolognese dalle 21. 

I due cantautori romagnoli hanno scelto di interrompere il loro tour per un giorno e omaggiare quella che è stata definita la novità dell'estate 2018, la "rinata" Ex Colonia Bolognese.

Con il loro linguaggio grottesco e surreale a tratti venato di cinismo, il Duo Bucolico racconterà i lati più scomodi e bizzarri della realtà, trasportando il pubblico in un mondo onirico e satirico, dominato da un’atmosfera a metà tra clownerie, cabaret, recital e canzone popolare dal retrogusto dadaista. Nato nel 2005, con 6 album all’attivo, il Duo Bucolico arriva alla Colonia Bolognese con il loro classico show a tutta "adrenalina e divagazione".

Rimini Wake Hub e Closing Party Duo Bucolico in Concerto sono ad ingresso libero fino ad esaurimento posti

 

 “RIUTILIZZASI COLONIA BOLOGNESE 2018” è un progetto ideato e curato dall’Associazione di Promozione Sociale Il Palloncino Rosso reso possibile dalla Curatela Fallimento CMV (Curatori fallimentari Rag. Ettore Trippitelli e Dott. Fabrizio Tentoni) con il patrocinio del Comune di Rimini ed in collaborazione con Festival Le Città Visibili, Festival ITACA’ Migranti e Viaggiatori, Cooperativa Smart Lab Rovereto, Iperpiano, Planimetrie Culturali Bologna, Officine Meme Ravenna,  Riminiterme S.p.A., Ristobar Oasi del Mare s.r.l., Spiaggia 151 Gustavo Vergoni, Aeronautica Militare 15° Stormo, Pro loco Miramare da Amare, Birra Riminese, Sputnik Cinematografica, FAN Asd e Studio Benessere in Mente

Condividi: