News

Rimini sarà presente a FICO, il parco agroalimentare più grande del mondo che apre domani a Bologna

RIMINI – Anche Rimini con la sua offerta turistica sarà presente a FICO, il parco dell’agroalimentare più grande del mondo che aprirà domani, 15 novembre, a Bologna. Nei 100.000 metri quadrati che la Fabbrica Italiana COntadina dedica alla biodiversità e all’eccellenza del cibo italiano, ci sarà infatti un desk informativo sulla città simbolo della riviera romagnola, con l’obiettivo di integrare FICO nell’offerta turistica del territorio riminese valorizzando, insieme alle opportunità di tour, eventi e pacchetti legati all’agroalimentare, le tante offerte e servizi che rendono Rimini una meta ancora più fruibile, ricca di opportunità, viva e attraente per i visitatori di tutto il mondo.

Situato nell’area eventi della zona Isola Centrale, il desk informativo di Rimini servirà da tramite per realizzare attività congiunte negli ambiti legati a cibo, turismo, cultura, ambiente e stili di vita, anche tramite una serie di azioni di reciproca visibilità in termini di comunicazione, con l’obiettivo di favorire il turismo "incoming".

Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi ha commentato: “FICO è un progetto unico a livello internazionale, una scommessa di forte attrattività per il turismo, che punta ai 6 milioni di visitatori all'anno, metà provenienti dall'estero, in particolare giovani e famiglie. È strategico quindi per il territorio riminese, che sta investendo impegno e risorse sulla filiera del food, anche come leva di attrattività turistica, essere presente a Fico per proporsi come piattaforma di soggiorno per intercettare milioni di viaggiatori nazionali e internazionali, cavalcando il fascino dei nostri diversi territori attraverso i loro prodotti, a partire da quelli della nostra food valley, una regione straordinariamente ricca di 'giacimenti' enogastronomici, di chef famosi nel mondo e di attrattive ed eventi come Al Meni. Da segnalare come i riflettori mediatici accesi da tutto il mondo sul taglio del nastro di domani, hanno già iniziato a illuminare non solo il parco tematico del cibo che si accinge ad aprire le sue porte, ma anche la ricchezza e le opportunità di vacanza di tutto il territorio regionale in cui si colloca”.

Condividi: