Cronaca

RIMINI: OK AL PROGETTO PER REALIZZARE L’INVASO DI LAMINAZIONE NEL TRATTO DISMESSO DELL’AUSA

Riqualificare l’alveo del torrente Ausa dal punto di ambientale e incrementare la capacità idraulica del torrente: segue questo duplice obiettivo il progetto, approvato dalla Giunta comunale nell’ultima seduta, per la realizzazione dell’invaso di laminazione nel tratto dismesso del torrente Ausa. L’intervento era originariamente inserito nel piano particolareggiato Porta Sud come opera di urbanizzazione, ma non è mai stato portato a termine dai soggetti attuatori. Trattandosi di un intervento importante per la tenuta idraulica e per la riqualificazione e il miglioramento ambientale dell’area, l’Amministrazione si è sostituita al privato, facendosi carico dell’intervento che interessa il tratto dismesso del torrente Ausa, compreso tra l'autostrada e la Strada Statale SS16. Così come avvenuto per l’impianto sportivo che era previsto sempre nel piano particolareggiato Porta Sud – non realizzato dai privati e preso in carico dal Comune che ha progettato poi la Casa del Volley – anche in questo caso l’Amministrazione ha escusso la polizza fideiussoria di 325mila euro, cifra che corrisponde all’importo dei lavori in programma.

Nello specifico il progetto interessa il tratto del torrente Ausa compreso tra l’Autostrada e la Statale Adriatica nel suo punto di intersezione con la S.S.72 Rimini- San Marino. Questo tratto di torrente è stato da tempo dismesso a seguito della realizzazione del deviatore Ausa e attualmente è utilizzato come recapito di collettori fognari minori e scoline agricole, subendo negli anni un certo degrado. La realizzazione del piano particolareggiato Porta Sud ed altri interventi edificatori su quelle aree ha comportato inoltre un incremento delle portate derivanti dalla impermeabilizzazione dei suoli.

L’intervento ha quindi lo scopo di verificare la capacità idraulica dell’alveo, nell’ottica di un suo riutilizzo come invaso naturale a cielo aperto per la laminazione delle portate di pioggia e allo stesso tempo procedere ad una riqualificazione e miglioramento ambientale dell’area. Le opere prevedono, sotto il profilo strettamente idraulico, la risagomatura e pulizia dell'alveo dell’Ausa, la realizzazione di tre manufatti di scarico di acque bianche sulla sponda destra del torrente e l’estensione della vasca di laminazione. L’area inoltre sarà riqualificata e valorizzata sotto l’aspetto ambientale attraverso la realizzazione di percorso ciclopedonale e di una pista di manutenzione in adiacenza della sponda destra dell'alveo e con il posizionamento di opere di arredo urbano (una balaustra di delimitazione della zona esondabile, il parapetto in corrispondenza della briglia e la segnaletica).

Condividi: