News

Rimini, definizione del progetto “Parco del Mare” affidata allo studio spagnolo Miralles Tagliabue

RIMINI – E’ stato affidato al raggruppamento temporaneo di professionisti guidato dallo studio Miralles Tagliabue di Barcellona l’incarico per la definizione delle linee di indirizzo progettuale per il Parco del Mare. L’incarico – assegnato attraverso una gara pubblica a procedura aperta che si è conclusa ieri con l’apertura delle buste – prevede la definizione da parte dei professionisti delle linee guida architettoniche e paesaggistiche dei nove lotti del lungomare sud, in modo tale da fornire indicazioni sia per la progettazione dell’opera pubblica, sia per gli interventi dei privati. Lo studio Miralles Tagliabue – fondato nel 1994 da Enric Miralles, tra i più apprezzati architetti spagnoli scomparso nel 2000 e dalla moglie Benedetta Tagliabue attualmente a capo dello studio – ha messo la firma anche sui progetti che hanno interessato il Parlamento scozzese a Edimburgo, la sede di Gas Natural, il restyling per il mercato di Santa Caterina a Barcellona, il Padiglione spagnolo all'Expo 2010 di Shanghai.

L’assessore alla programmazione e gestione del territorio Roberta Frisoni ha dichiarato: “Si tratta di andare a definire la cornice, di dare una visione omogenea dell’intero progetto un contesto dentro il quale sviluppare poi le varie peculiarità di ogni tratto del lungomare, valorizzandone i caratteri identitari e le vocazioni, ponendo particolare attenzione anche ai temi della sostenibilità ambientale degli interventi. Un lavoro dunque fondamentale, che rappresenta un ulteriore passo nello sviluppo degli elementi architettonici e paesaggistici che caratterizzeranno il Parco del Mare. Altro motivo di soddisfazione è il fatto che a partecipare alla gara siano stati gruppi di professionisti di rilevanza internazionale e ad aggiudicarsi l’incarico sia stato un raggruppamento di imprese che fa capo a uno studio, Miralles Tagliabue, che ha firmato progetti e interventi apprezzati in tutto il mondo, da alcuni tratti del lungomare di Barcellona alla riqualificazione degli scali ferroviari di Milano”.

Condividi: