Cronaca

Riccione: un docufilm per i trenta anni della discoteca Cocoricò

RICCIONE – Il Cocoricò, discoteca simbolo di Riccione e tra le icone della notte romagnola, compie 30 anni nel 2018 e la sua storia diventa un docufilm, per la regia di Ambrogio Crespi. Al via sabato due mesi di riprese che ne racconteranno la vita dal 1989, con la voce dei suoi protagonisti. Il primo ciack è durante i Dj set di 'star' come Desolat, Seran Bendecidos e Loco Dice. In autunno poi il lavoro di montaggio e post produzione. L'uscita sugli schermi e online è in primavera. Al centro del docufilm (produzione IndexWay) tendenze, novità, ricerca di eventi e suoni nati nella caratteristica 'piramide' sulla collina di Riccione e poi diffuse nella culture club mondiale. Le telecamere entreranno nei backstage delle serate, intervisteranno Dj, osserveranno la sala con gli occhi di chi balla. "La notte è un territorio da esplorare", commenta Crespi. "Il film – spiega Fabrizio De Meis della nuova società di gestione del Cocoricò – è una straordinaria opportunità per capire cosa succede tra i giovani".

Condividi: