Cronaca

MANETTE ALLA BADANTE FOCOSA E, IN STAZIONE, A UN SENEGALESE SPACCIATORE SCOPERTO DAL CANE ANTIDROGA

Gli uomini delle “Volanti” della Questura hanno arrestato nel pomeriggio di ieri e questa notte 2 persone, responsabili dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico Ufficiale.-

Il primo arresto è avvenuto intorno alle 15,00, quando una volante della Polizia di Stato è stata chiamata presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Rimini per la presenza di una persona – una donna – in stato di alterazione alcoolica, la quale aveva già causato problemi sia sul posto di lavoro – una famiglia dove svolge l’attività di badante – sia agli operatori sanitari. Giunti sul posto, gli agenti hanno identificato la donna, una 42enne di origine ucraina la quale, alla vista dei poliziotti, ha iniziato ad inveirgli contro, gettando addosso ad uno di essi il contenuto di una bottiglia d’acqua e poi preparandosi a fare altrettanto con la borsa ed altri effetti personali, continuando nel contempo ad inveire e minacciare gli agenti. Prontamente bloccata, la donna è stata condotta in Questura dove è stata tratta in arresto per il reato di resistenza a Pubblico Ufficialece trattenuta presso le camere di sicurezza in attesa del processo per direttissima.

Il secondo intervento, conclusosi con l’arresto di uno spacciatore, si è svolto invece intorno alle 23,00 in Piazzale Cesare Battisti ad opera della pattuglia a cavallo e della unità cinofila antidroga della Polizia di Stato; gli agenti, all’arrivo di un treno da cui erano scese numerose persone, hanno notato tre di queste – tre giovani – cercare di nascondersi dietro un cartellone pubblicitario, al chiaro scopo di non farsi notare dai poliziotti. Tentativo vano in quanto il cane-poliziotto li ha subito “puntati” dirigendosi senza indugio verso di loro; uno dei tre giovani, alla vista del cane antidroga, ha cercato di disfarsi di un involucro gettandolo a terra in una zona buia, tentativo vano in quanto il fiuto del cane lo ha immediatamente individuato dando agli agenti la possibilità di recuperarlo. Nel sacchetto e nei pantaloni del giovane, come accertato nella successiva perquisizione, sono state rinvenute e sequestrate numerose dosi di marijuana ed eroina per un totale di svariati grammi.-

Al termine degli accertamenti l’uomo, un 30enne di origine senegalese, è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e condotto presso le camere di sicurezza della Questura e successivamente, nella mattinata odierna, presso il locale carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Condividi: