Cronaca

L’ESTATE DEI CANTIERI A RIMINI: 20 GRANDI INTERVENTI PER RIDISEGNARE IL VOLTO DELLA CITTA’

Sono più di 20 i grandi cantieri attualmente in corso a Rimini che, sul solco di quelli già conclusi magari solo qualche settimana fa, andranno segnare un cambiamento profondo della città. A questi si deve aggiungere un numero superiore di interventi di manutenzione ordinaria sul patrimonio stradale e di verde pubblico.

Tra i cantieri più importanti c’è la realizzazione del progetto Tiberio, che dopo la conclusione delle fasi 1 (piazzale Vannoni) e 2 (sistemazioni parcheggi e parco archeologico), vede in stato avanzato i successivi comparti 3 e 4. E’ il caso del progetto per la fluidificazione dell’asse mediano, meglio conosciuto come “Fila Dritto”, che dopo l’inaugurazione del sovrappasso ciclopedonale di via Roma solo qualche settimana fa vede in corso l’intervento sul piazzale delle Celle, davanti al cimitero monumentale della Città all’incrocio tra la via Emilia e la via Popilia. E’ il caso dell’intervento di riqualificazione su piazza Malatesta dove, mentre la Giunta comunale sta approvando il progetto per il secondo stralcio, quella che riguarderà il “Giardino del Castello” di cui è ormai imminente la presentazione alla Città, è in corso l’intervento sulla "corte a mare" delimitata dalla falsa braga costituito dal bastione poligonale che s’interpone tra l'ingresso del Castello e l'antico fossato. Due interventi di riqualificazione di grande qualità parte integrante del Museo Fellini, che come noto accanto al Fulgor e alla realizzazione della nuova Piazza delle Arti ha in Castel Sismondo il terzo asse.

Ma non mancano, accanto ai grandi interventi in corso – primo fra tutti il Teatro Galli che nelle prossime settimane, con il posizionamento delle capriate in legno, vedrà concludersi una parte importante dei lavori di ricostruzione della Torre Scenica, o il Cinema Fulgor su cui dopo quelli strutturali è in corso la realizzazione degli allestimenti interni – gli interventi in settori più tradizionali ma altrettanto importanti.

Sulla viabilità ad esempio con la realizzazione della rotatoria “Valentini” sulla statale 16 di cui è in corso d’aggiudicazione la gara d’appalto per la realizzazione delle parti A e B dell’intero progetto, o della rotatoria, di minor impatto ma con un ruolo altrettanto importante, all’incrocio di via della Repubblica con via Flaminia Conca, a cui manca veramente poco per entrare dopo i lavori di complemento nella sua fase funzionale.

Ma anche le scuole – più di trenta con un investimento di superiore al milione di euro – che proprio in questo periodo, con la conclusione dell’anno scolastico saranno oggetto di lavori di sistemazione che spazieranno dalle cucine alle pensiline, dal consumo energetico alle rampe di accesso, dagli infissi alla sicurezza. Buona parte delle risorse saranno destinate al contenimento dei consumi energetici; l'intervento più impegnativo (600 mila euro) è quello che riguarda l'avvio dei lavori di riqualificazione energetica e strutturale alla scuola materna statale “Gabbianella”, al Villaggio primo maggio, per la trasformazione della vecchia scuola in “nearly zero energy building”, ovvero un edificio capace di un bilancio fra energia consumata ed energia prodotta prossimo allo zero.

Interventi anche sulle strutture sportive comunali dove sono cominciati i lavori per la realizzazione della casa del volley (1.390.000 euro), la struttura che l’Amministrazione ha voluto dedicata in via esclusiva alla pallavolo, lo sport indoor che raccoglie il maggior numero di praticanti sul territorio. Lavori previsti (200.000 euro) anche allo stadio Romeo Neri per la sistemazione della facciata monumentale e del bar.

Interventi di riqualificazione in corso, e in parte completati, (350.000 euro) anche sui cimiteri di Sant’Aquilina e Santa Giustina, così come per quanto riguarda l’edilizia cimiteriale sono stati già aggiudicati gli interventi per il miglioramento funzionale del Cimitero monumentale.

Lavori in corso anche al V Peep (200.000 euro il costo), dove l’amministrazione continua il proprio intervento di risanamento con la manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza dei camminamenti.

Ai nastri di partenza anche due interventi strategici: Acqua Arena (contratto in fase di stipula) e la riqualificazione dell’edificio ex Globo alla Stazione, il complesso che sorge vicino alla stazione ferroviaria e destinato a diventare la nuova velostazione di Rimini per la cui gestione sono pervenute all’amministrazione comunale cinque manifestazioni d’interesse.

A tutta forza anche i cantieri del Psbo, il piano di salvaguardia della balneazione che ha nell’intervento in corso in piazzale Kennedy la sua opera più importante ma che, a giorni, taglierà un nuovo traguardo con il pensionamento dello scarico Pedrera. Un risultato che accanto ai due sfioratori ‘Spina-Sacramora’ e ‘Turchetta’, già diventati scarichi di “sole acque meteoriche di drenaggio”, segna un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento dell’obiettivo finale, ovvero l’eliminazione entro il 2020 della fognatura nera dagli undici scarichi a mare attualmente presenti.

Condividi: