News

I MITI DELLA DISCOMUSIC: INTERVISTA ESCLUSIVA A ROBERTA KELLY STAR A GABICCE MONTE

A quarant’anni dal successo planetario dell’album “Zodiac Lady”, Roberta Kelly ha ricevuto l’abbraccio e sentito il calore del pubblico di Gabicce Monte dove è stata la protagonista di Disco Diva, il Festival della Disco Music. Tanti applausi, tantissime foto per la cantante che si è emozionata, durante e dopo il concerto, per la consegna di un riconoscimento a 40 anni dal 33 giri (all'epoca c'era il vinile…) che la lanciò sul palcoscenico mondiale. “Il grande affetto e gli apprezzamenti del pubblico – dice –  sono il regalo più bello. E’ un momento di gioia, di gratitudine per l’amore che continua a dimostrarmi. Ringrazio dal profondo del cuore anche chi ha organizzato questo evento e mi ha invitato”.

Roberta Kelly, cantante americana gospel soul-disco, tra il 1976 e 1978, ha portatotre hit nella classifica US Billboard dance club chart, raggiungendo anche la prima posizione con “Trouble maker”. Oltre che solista, a inizio carriera è stata corista di Donna Summer e Thelma Houston. La carriera di Roberta è stata accompagnata in buona parte dalla collaborazione con il produttore e musicista italiano Giorgio Moroder, tra i “padri” della disco music. “E’ stato molto importante per me e per Donna Summer che era già mia grande amica oltre che collega. Giorgio deve molto alla black music, ai cantanti e musicisti di colore americani, per essere riuscito a fare quello che ha fatto. E aggiungo che così è stato anche in precedenza per Elvis Presley, il re del rock and roll”.

Giorgio Moroder è tornato due anni fa con un nuovo album. Allora la disco è eterna?

“Lo è con e senza Giorgio . Mi lasci dire che la disco music nel momento in cui è nata era già eterna. E’ la verità perché è comunione di blues, jazz, rock, soul, rhythm and blues.

Nel 1977, con l’album “Zodiac Lady”, Roberta raggiunse grande popolarità, grazie anche al successo in Italia e in tutto il mondo con la hit “Zodiacs” e altri brani come “Funky Stardust” e “Love Sign”. Roberta Kelly, che non cantava in Italia dal 2008 nel tvshow su Rai 1 “I migliori anni” di Carlo Conti, è tornata per Disco Diva che l’ha celebrata con un premio speciale a quarant’anni dall’uscita di “Zodiacs”. “E’ la canzone che mi ha portato in giro per il mondo – aggiunge la cantante americana che vive a Monaco di Baviera -a cui resto più legata”.

Nella sua lunga e prestigiosa carriera, quale è l’artista con cui avrebbe voluto collaborare ?

“E’ una bella domanda. Forse… sì Celline Dion, una voce straordinaria”.

Roberta Kelly, ancora una stella della eterna disco music, come guarda al futuro?

“Spero che possa proseguire questo momento, ma ciò che conta è ora. Nel senso che nella mia attività di artista e nella vita di tutti i giorni, va colto l’attimo, minuto dopo minuto”.

Giuseppe Sangiorgi

Condividi: