Vox Populi

GAFFE SUL SITO WEB: IL COMUNE DI RIMINI CONFONDE IL TRICOLORE ITALIANO CON QUELLO UNGHERESE

Gli errori li fanno tutti, siamo uomini e non robot. Premessa necessaria per evitare polemiche inutili. Quello che hanno combinato i "comunicatori" del Comune di Rimini, in particolare chi è incaricato o incaricata del sito web di Palazzo Garampi, appartiene alla categoria delle cose a cui appena le racconti ti senti rispondere "Non è vero". Ed invece sì. Ieri, fino a quando qualcuno non li ha avvisati, i responsabili della comunicazione del Comune di Rimini a corredo di un breve articolo sul 2 giugno, hanno pubblicato una fotografia della bandiera tricolore. Peccato fosse il tricolore sbagliato: quello ungherese anziché italiano. Errore mica da niente. Ha sbagliato chi ha inserito l'immagine, ha sbagliato il responsabile o la responsabile del sito web che non se n'è accorto/a, si sono messi le mani nei capelli migliaia di utenti. E solo quando sono arrivate le prime rimostranze ufficiali è stata tolta la bandiera sbagliata e messa quella giusta. Se fossimo a due passi da Staffelli stamattina sarebbe arrivato in Comune il tapiro. Fa specie che di fronte ad una schiera di ottimi professionisti qualcuno ogni tanto commetta errori del genere. Eppure non sono pochi i colleghi che lavorano in questo specifico settore dell'ente pubblico: regolarmente ben pagati per dare al popolo notizie dell'attività svolta. Che sia un Comune a confondere la bandiera ungherese con quella italiana è una gaffe assurda. Giuste le scuse, giusto che se ne parli. La cittadinanza deve essere informata della moltitudine di cose fatte bene, di progetti, di iniziative, di strategie ma deve anche sapere che c'è qualcuno che lavora lì dentro che non sa riconoscere la bandiera italiana. 

(in alto il nostro amato tricolore pubblicato come correzione del tricolore ungherese, foto sotto, apparso sul sito web e sulla pagina facebook del Comune in luogo della bandiera italiana)

Condividi: