Attualità
    Venerdì , 7 Settembre 2018     18:26

Dai film di Fantascienza alla realtà:Milano capitale europea dell’immortalità con la mostra “real bodies”

È davvero già nato l'uomo che, grazie a una pillola, potrà vivere mille anni? È possibile ibernare un nostro caro o un amico a quattro zampe grazie alla crioconservazione, per risvegliarlo dopo decenni? Quali scoperte scientifiche ci permetteranno di viaggiare nello spazio per raggiungere altri pianeti o altri sistemi planetari?

Qualcuno potrà obiettare che siano interrogativi da film di fantascienza. Eppure le risposte oggi sono e sarà possibile ottenerle – dal 6 ottobre – nella sezione “Immortalità” della nuovissima edizione dell'Expo di Anatomia “Real Bodies, oltre il corpo umano”, (www.realbodies.it), in allestimento a Milano: la più grande iniziativa del genere nel mondo, con oltre 50 corpi interi e 450 organi umani, tutti conservati con la tecnica della plastinazione. Parola di Venice Exhibition srl, (www.veniceexhibition.com), società promoter e produttrice dell'evento culturale e scientifico che sarà presentato in anteprima alla stampa il 4 ottobre alle 11.00 negli spazi espositivi dello “Spazio Ventura XV”, in via Privata Giovanni Ventura 15, nel quartiere Lambrate, con il patrocinio di Comune di Milano, Telethon, Avis, Admo, Aido e Accademia di Brera.

La mostra internazionale “Real Bodies, oltre il corpo umano” offrirà infatti una immersione fra le novità di affascinanti discipline scientifiche. È il caso della Crionica (la tecnologia più avanzata nella conservazione di esseri viventi grazie alle temperature di congelamento garantite dall'azoto liquido) e della ricerca genetica sulle cellule staminali e sul Dna, che promettono all'umanità un futuro senza invecchiamento e malattie degenerative.

“Una multinazionale russa leader nella crioconservazione di corpi umani”, anticipa l'AD di Venice Exhibition srl, Mauro Rigoni, “ha scelto ‘Real Bodies’ per far vedere da vicino, per la prima volta in Europa, le capsule di crioconservazione, mai uscite prime dai suoi laboratori. La mostra mostrerà e spiegherà ai visitatori in modo semplice quali stadi attraversa il corpo umano quando viene preservato con la tecnologia crionica più moderna”. “Inoltre”, continua Rigoni, “la mostra fornirà informazioni sul modo in cui è già possibile scegliere, affinché venga adottata dopo la morte, questa metodologia di conservazione. Un’opportunità che si affianca alle già note possibilità di donare il proprio corpo alla scienza, piuttosto che consegnarlo alla sepoltura oppure alla cremazione”.

Nella sezione “Immortalità” di “Real Bodies, oltre il corpo umano” il processo della Crionica sarà spiegato nelle sue fasi principali: la perfusione, cioè la progressiva sostituzione del sangue del criopaziente con numerosi solventi crioprotettori, prima del raffreddamento simultaneo; poi il raffreddamento programmato; infine la crioconservazione definitiva a -196 gradi centigradi, in attesa di un risveglio dopo decenni, se non secoli. I sostenitori della Crionica affermano che in futuro le persone crioconservate potranno risvegliarsi perfettamente in forma. Si tratta di una prospettiva molto allettante anche nella previsione della corsa verso lo spazio, in uno scenario visto in tantissime cult movie di fantascienza – da Interstellar a 2001: Odissea nello spazio, da Avatar a Il dormiglione. La possibilità di crioconservare gli astronauti consentirebbe di affrontare lunghissimi viaggi spaziali, aggirando il problema delle scorte di cibo e della schermatura dai raggi cosmici nocivi, da cui l’ibernazione sembra costituire una protezione.

“Forniremo anche un display dedicato alle più recenti scoperte provenienti dagli Stati Uniti sul fronte dell'autoriparazione del Dna e sulle possibilità di utilizzo delle cellule staminali” dichiara l’AD di Venice Exhibition. “Esporremo gli studi svolti dai più autorevoli scienziati mondiali in questi campi. Ringrazio tutti i partner che dietro le quinte stanno preparando con cura questa mostra di alto valore scientifico”.

Note
Intere aree espositive di “Real Bodies” saranno inoltre rivolte a nuovi temi come: la biomeccanica, le ultime frontiere della chirurgia ricostruttiva, la prevenzione delle malattie, la lotta alla dipendenza da alcool, fumo e sostanze stupefacenti, l’anatomia comparata (per la prima volta in una sezione che metterà organi di uomini e animali a confronto).
Di altissimo profilo il comitato scientifico: l'anatomopatologo forense Antonello Cirnelli, curatore della Real Bodies.

Condividi: