Economia

Crollano le imprese giovanili in Emilia Romagna: -4,9% in un anno

La base imprenditoriale regionale giovanile continua a contrarsi più rapidamente rispetto a quanto avviene a livello nazionale. È quanto emerge dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna. A fine giugno le imprese attive giovanili si sono ridotte a 29.825, pari al 7,3 per cento delle imprese regionali. In un anno, ne sono andate perdute 1.553, pari ad una riduzione del 4,9 per cento, mentre le altre imprese sono diminuite solo dello 0,6 per cento. L’Emilia-Romagna perde terreno come Veneto (-4,1 per cento), Lombardia (-3,2 per cento) e Piemonte (-3,4 per cento). La tendenza regionale risulta inoltre più pesante di quella nazionale, che vede le imprese giovanili (496.263, pari al 9,6 per cento del totale) diminuire del 2,8 per cento e le altre imprese confermare la tendenza positiva e segnare un lieve aumento (+0,2 per cento).

Condividi: