Eventi
    Venerdì , 31 Agosto 2018     10:11

Birra Amarcord birra ufficiale della XXI Festa de’ Borg

Si consolida alla Festa de’ Borg il grande amore tra la Birra Amarcord e il Borgo San Giuliano di Rimini. Anche quest’anno il birrificio romagnolo torna alla Festa più attesa e tradizionale di Rimini in programma sabato 1 e domenica 2 settembre.  (anteprima il 31 agosto). Un amore quello tra la Birra Amarcord e il vecchio borgo di Rimini che parte da lontano.  Da quando, è proprio all’ombra del Ponte di Tiberio, che nasce nel 1997 l’idea di un birrificio tutto riminese. Inoltre, è il legame della Birra Amarcord con Federico Fellini, il cui ricordo è palpabile passando nelle stradine del Borgo, a spingere il birrificio a scegliere di partire proprio da lì, dal vecchio borgo dei pescatori.

Un connubio quello con il Borgo, che poi si è saldato negli anni e che ha portato alla realizzazione di molte iniziative. Ultima, in ordine di tempo, quella di farsi promotore insieme alla Società de Borg della raccolta fondi per la restaurazione dei bellissimi murales del borgo.

Saranno infatti venduti durante la Festa de’ Borg, nei punti ristoro di Birra Amarcord i 6 bicchieri con le parole in dialetto romagnolo il cui ricavato andrà alla realizzazione di un progetto di restauro dei murales. Con l’obiettivo, se il ricavato sarà superiore, di realizzare nuovi murales. Insieme alla Collezione dei Bicchieri, Birra Amarcord sarà presente alla Festa de’ Borg con il suo stand nel parcheggio vicino al Ponte di Tiberio e per la prima volta porterà la birra nel Tank. Si potrà così gustare la “Gradisca” appena prodotta.

Ancora una volta la Birra arriva nel “suo” Borgo e ancora una volta vuole lasciare il segno: contribuire a renderlo ancora più bello e amato. Come con la guida “Strolling with Birra Amarcord nel Borgo San Giuliano", la guida turistica ideata e realizzata da Birra Amarcord con i testi e le immagini curate dalla giornalista e blogger riminese Antonella Zaghini, già autrice del seguitissimo blog, “Io e Rimini”.

 

Foto @antonellazaghini

Condividi: