Cronaca

AIRIMINUM 2014: “RISPOSTE CONCRETE PER LO SVILUPPO DELLA ROMAGNA”

"Ha ragione l'Assessore Corsini, che, come più volte ha dichiarato, afferma – parlando di turismo giovanile – che per sviluppare il turismo in Romagna occorre che il ‘Fellini’ torni ad avere voli low fare" – afferma Laura Fincato, Presidente di AIRiminum 2014, che ieri ha rappresentato la società al convegno per i 50 anni di Assaeroporti. “Soggetti privati che gestiscono per concessione, aumento del peso contrattuale dei vettori con esigenza di strategie di co-marketing, crescita esponenziale del traffico aereo, valorizzazione della crescita aeroportuale nella direttrice città-aeroporto e nell'area vasta grazie all'affiancamento delle amministrazioni locali, la convinzione che l’aeroporto è industria e la cultura imprenditoriale aeroportuale significherà interpretare i flussi, dal prodotto al flusso: sono questi i punti focali della relazione presentata ieri dal Censis, che coincidono con quelli indicati come temi fondamentali dai relatori del primo ‘Adriatic Travel Forum’, organizzato da AIRiminum il 15 maggio scorso” – prosegue Fincato. "Su questa analisi, che condividiamo, abbiamo da tempo chiesto un ragionamento comune e collettivo nel rispetto dei ruoli, ed attendiamo coerenza di risposte rispetto alle proposte di sviluppo che abbiamo prodotto. Anche ieri" – continua la Presidente di AIRiminum 2014 – "sono stati mostrati con dati certificati come e dove intervenga ‘pesantemente’ il pubblico per potenziare i flussi, in questo caso turistici, legati alle low cost: Marche, Puglia, Abruzzo, per non parlare di Sardegna, Sicilia, Calabria e altre Regioni. Le modalità, le regole e le decisioni della Commissione Europea sono state analizzate e concordemente definite utili e necessarie per lo sviluppo dei piccoli aeroporti"."AIRiminum dunque, ancora una volta cogliendo la positività delle affermazioni dell'Assessore al Turismo, auspica un incontro di volontà e di proposte concrete per lo sviluppo della Romagna anche attraverso la crescita del ‘Fellini’, cui la società di gestione è vocata e a cui ha chiamato, in più occasioni, sia le istituzioni che i soggetti economici interessati, trovando sempre corrispondenza che deve ora diventare proattività" – conclude Laura Fincato.

Condividi: